Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

L'Ora di tutti: Assedio a Torre Matta

L'8 ottobre dalle 15.30 alle 20.30.

Dettagli della notizia

A ciascun uomo nella vita capita almeno una volta un'ora in cui dare prova di sé; viene sempre per tutti […]. Io fossi un re, ecco, abolirei tutte le guerre […]. Il sole stava calando e il mondo sembrava molto grande. Quanti anni sono passati da allora? Solo i vivi contano gli anni. Ed è mutato qualcosa?
(da L'ora di tutti di Maria Corti)

E' giunta l’ora di assediare Otranto ed invadere i suoi vicoli e le corti più nascoste con canti, versi, musiche, danze e qualsiasi espressione artistica sia consentita a questo mondo.
Domenica 8 ottobre alle ore 15.30 l'appuntamento è nei pressi della Stazione Ferroviaria per un “Caffè del viandante” e ascoltare la bellissima storia di questa realtà errante e restante allo stesso tempo. "Stazione a Sud Est" è uno spazio di condivisione che promuove la cultura della sostenibilità e dell’innovazione sociale attraverso lo sviluppo di progetti dal basso.
Entro le ore 16.30 ci si sposterà presso la villa comunale (Via Vittorio Emanuele) dove ci saranno gli amici di AnimaMundi Otranto. AnimaMundi Otranto nasce come bancarella itinerante, diventa negozio di libri e musica nel 2002, etichetta discografica nel 2003 e casa editrice dal 2008.
Dopo la visita da AnimaMundi Otranto scatterà l’Ora di tutti e avrà inizio la dolce invasione del centro storico con canti, versi, musiche, danze, storie idruntine. Obiettivo dell’invasione è assediare Torre Matta, uno dei luoghi più suggestivi di Otranto, tra gli edifici più complessi e di maggior interesse della città. La sua conformazione risponde alle esigenze di difesa dalle armi da fuoco emerse dopo l’attacco turco del 1480: nel corso degli scontri l’intera cortina muraria medievale della città fu devastata e rasa al suolo.
All’interno della Torre Matta si visiterà la mostra fotografica, a cura dell'Istituto di Culture Mediterranee e Big Sur e sostenuta dalla Regione Puglia, di Giuseppe Palumbo dal titolo "Visioni del Sud". Palumbo è un personaggio unico nel panorama culturale salentino della prima metà del Novecento. In sella a una bicicletta, in treno o su un piccolo calesse, ha esplorato per cinquant’anni la Terra d’Otranto, fotografando e documentando il paesaggio naturale e umano, per valorizzarne luoghi, monumenti, risorse, produzioni.

L'itinerario è di facile percorribilità, si consigliano scarpe comode.
Come da consuetudine, si invitano i partecipanti ad essere portatori di entusiasmo e tranquillità, strumenti musicali e libri per letture idruntine. Testi consigliati da portare con se: "L’ora di tutti" di Maria Corti, "Lo scriba di Casole" di Raffaele Gorgoni, "Otranto" di Roberto Cotroneo, "Otranto 1480" di Vito Bianchi, "Il castello di Otranto" di Horace Walpole e altre poesie e romanzi dal sapore idruntino.
Partecipazione graditissima di Wilma Vedruccio (Mitilo Salentino) che leggerà alcuni passi della sua opera dal tiitolo "Sulle Orme di Idrusa" (Kurumuny Edizioni).
La passeggiata è gratuita e non occorre prenotare. 
Soft Ticket per visitare la mostra di 3 euro. Dopo la mostra, per chi volesse, è prevista una deustazione sempre presso Torre Matta al costo di 10 euro (comprende anche il costo del biglietto di ingresso alla mostra). 

Per info e prenotazioni pacchetto mostra + degustazione: 328 9163372.
Info: 3395920051 - scatoladilatta2014@gmail.com - Facebook.

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina