Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

La ricerca dell'INFN e le sfide del futuro

Dettagli della notizia

In occasione della trentesima edizione del Seminario Nazionale di Fisica Nucleare e Subnucleare «Francesco Romano» che si tiene ogni anno a Otranto presso Serra Alimini, il Club per l’UNESCO di Otranto, in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e le Università del Salento e di Bari, e il patrocinio del Comune di Otranto, organizza una conferenza pubblica dal titolo “La ricerca dell’INFN e le sfide del futuro”, che sarà tenuta oggi presso la Sala Triangolare del Castello Aragonese alle 17.30, da Fernando Ferroni, Presidente dell’INFN e Professore ordinario di Fisica Sperimentale presso l’Università «La Sapienza» di Roma.
L’INFN è tra i fiori all’occhiello della ricerca italiana e conta circa 5000 scienziati il cui contributo è riconosciuto a livello internazionale. Svolge attività di ricerca, teorica e sperimentale, nei campi della fisica subnucleare, nucleare e astroparticellare.
Il Prof. Ferroni, presidente dell’INFN dal 2011, si è da sempre occupato di aspetti sperimentali della fisica delle particelle elementari. Ha lavorato al CERN di Ginevra, dapprima in esperimenti sui neutrini fino agli anni ’80 e poi all’esperimento L3 al LEP (l’acceleratore che ha preceduto LHC nel tunnel di Ginevra). Nei primi anni ’90 ha iniziato la sua collaborazione con l’esperimento BaBar alla macchina PEP2 di SLAC (Stanford, USA) per lo studio della violazione di CP nei decadimenti del quark “beauty”. Lavora attualmente ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso nell'esperimento CUORE per la ricerca del decadimento doppio beta senza emissione di neutrini. È autore di alcune centinaia di articoli su riviste scientifiche internazionali.

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina