Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

"Stanze"

Mostra personale di fotografia di Salvatore Coluccia.

Dettagli della notizia

"Stanze" è un mostra personale di fotografia di Salvatore Coluccia, dal 4 marzo al 26 aprile 2017 presso le sale del Castello Aragonese di Otranto. L'inaugurazione si terrà il 4 marzo alle ore 16.30.

Salvatore Coluccia ha una passione per la fotografia che lo accompagna da quando era piccolo. Il suo lavoro gli ha consentito, nel corso degli anni, di visitare luoghi difficilmente raggiungibili, come Iraq e Afghanistan, ma anche Islanda, America, Emirati Arabi, che lui ha immortalato con la sua fotocamera.
Custodisce inoltre numerosi scatti della sua terra natia, Otranto, che saranno esposti in questa mostra. Alcune sue fotografie hanno ricevuto riconoscimenti e sono state pubblicate su riviste o siti specializzati nel settore (National Geographic e Nikon).

[...] Salvatore Coluccia narra con gli scatti, a noi il compito di immaginare con la mente.
"Come gli scacchi o la scrittura la fotografia è una questione di scelta tra una serie di possibilità, solo che, nel caso della fotografia, il loro numero non è finito, ma infinito". Con questa frase del fotografo americano John Szarkowski, pensiamo a tutte le possibilità che scaturiscono dalle sue foto. Una di queste "infinite possibilità" è "Stanze", ovvero la prima mostra personale nella sua città d'origine, Otranto.

Un'occasione in cui le sue narrazioni si diluiscono nelle stanze del castello e permettono di immergersi nei colori e nella vita quotidiana dell'Afghanistan, dell'Iraq, ma anche dell'Islanda, dell'America e degli Emirati Arabi. Solo alcuni fra tutti i luoghi (visitati per piacere o per lavoro) in cui l'artista ha deciso di affidare agli scatti fotografici la memoria personale, condivisibile, ora, con tutti noi. Una memoria destinata a meravigliare e a destare l'interesse perché libera da vincoli e steccati, in cui la semplicità dello scatto si mescola alla maestria e alla professionalità. Una memoria fotografica come chiave di lettura del passato e del presente, ma capace di emozionare e di far riflettere anche nel futuro.
Questa è la forza dei suoi scatti fotografici. Questa è "Stanze".

La mostra occuperà sette stanze del Castello; ogni stanza sarà dedicata ad un tema fotografico scelto dal fotografo:

1. Neve e maltempo
2. Otranto
3. Oriente
4. Occidente
5. Natura
6. Ritratti
7. Musica

Torna a inizio pagina