Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

I luoghi della Preistoria e Sotterranei del Castello

I luoghi della Preistoria.
Sarà possibile effettuare una visita mediata della Grotta dei Cervi, un sito del Paleolitico, con le sue raffigurazioni pittoriche risalenti al Neolitico mediante gli strumenti della realtà virtuale e con filmati in 3D. Verranno, inoltre, esposti molti dei reperti archeologici rinvenuti e restaurati in occasione di questo nostro progetto.
Circa 250 reperti, selezionati da duecento cassette di materiali, sono illustrati in un percorso che ha per oggetto anche altre testimonianze preistoriche otrantine.
Nel percorso espositivo si può provare l’emozione di un virtual tour in 3D nella Grotta dei Cervi, chiusa al pubblico per motivi legati alla conservazione delle pitture e per le difficoltà di attraversamento dei corridoi interni. Il filmato 3D è stato realizzato dal team internazionale La Salle, di cui fanno parte lo speleologo salentino Antonio Danieli e Jean-Marie Chauvet scopritore della grotta omonima in Francia e che ha operato in Grotta dei Cervi.
Nell’esposizione sono ceramiche (vasi) e strumenti su pietra e osso, che documentano l’evoluzione culturale delle comunità agricole locali. Significativi sono i vasi rituali neolitici, che presentano sull’imboccatura volti schematici o figurati della Dea Madre o le pintadere, sorta di “timbri” per dipingere il corpo nel corso delle cerimonie rituali e iniziatiche.
Oltre alle testimonianze archeologiche del VI-III millennio a.C. si presentano anche quelle della successiva età del bronzo.

Un nuovo progetto di restauro dei sotterranei ha reso fruibile al pubblico il percorso del piano basso. I lavori di recupero hanno evidenziato una fitta rete di cunicoli che si snoda sotto il cortile interno e le sale del castello.
Le visite guidate, circa 15 persone per volta, prevedono l'utilizzo di un casco con luce. Un percorso circolare suggestivo su diversi livelli che parte dalla Sala Rettangolare e fa uso di nuove tecnologie. Due ologrammi si materializzeranno lungo i cunicoli: Alfonso d'Aragona che parla della funzione dei fossati nel passato nell'ambito del sistema di fortificazioni, e una donna di altri tempi che racconta storie mitologiche della Città.

Tutte le INFO al link sottoindicato.

Quando

Da 03.08.16 (h. 10.00) a 05.11.20 (h. 23.00)
Torna a inizio pagina