Alcuni chiarimenti del Sindaco Cariddi circa la gestione dell'emergenza sanitaria

"L'attenzione a una comunità non la fanno solo le parole, ma i fatti".

Dettagli della notizia

Cari concittadini e concittadine,
ho sentito l’urgenza di fare chiarezza su alcuni aspetti che in questi giorni ho visto essere dibattuti con una leggerezza e una mancanza di approfondimento che non si addicono alla complessità del tema.
Ritengo infatti che nel discutere della gestione di una emergenza sanitaria, occorra farlo accantonando ogni faziosità.
Questi sono tempi in cui a ciascuno di noi viene chiesto un impegno disinteressato in favore della tutela della nostra comunità.
Impegno cui non si adempie di certo trasmettendo notizie parziali o persino inesatte, che non fanno altro che generare confusione e timori di cui non abbiamo bisogno.
Veniamo da un anno difficile, da una stagione estiva che ha visto il nostro paese impegnarsi a fondo per poter garantire ai nostri ospiti l’accoglienza che sempre abbiamo loro riservato e per garantirla in piena sicurezza.
Otranto ha accolto anche quest’anno tantissimi visitatori e ha registrato una scarsissima se non nulla incidenza di contagi nel periodo estivo, tanto che in moltissimi ci hanno scelto per trascorrere un soggiorno, invogliati anche dalla nostra campagna “Otranto Sicuramente” e dalla positiva immagine che i nostri operatori, aderendovi, hanno saputo trasmettere.
Questa estate l’impegno di tutti ci ha permesso, dopo i mesi di chiusura primaverile, di alimentare con nuova linfa il settore turistico, fondamentale per l’economia del nostro paese.
La responsabilità della nostra comunità ci ha consentito, anche nel corso della seconda ondata dell’epidemia, di mantenere la percentuale dei contagi in città al di sotto della media provinciale. Nonostante ciò, il Comune ha deciso di finanziare l’iniziativa di screening di massa che ha permesso alla popolazione di effettuare gratuitamente e in più appuntamenti dei test rapidi utili ad un monitoraggio costante della situazione pandemica all’interno della popolazione.
In questi mesi, attraverso i canali social, l’amministrazione ha provveduto a comunicare i dati dei contagi alla comunità, nonostante grandi difficoltà legate al ritardo da parte del sistema nazionale, che spesso faceva pervenire notizie inesatte o numeri errati.
Il monitoraggio infatti, è avvenuto da parte nostra grazie alla rete che sin da subito abbiamo creato con i medici e ad una costante comunicazione con coloro che erano risultati positivi al virus.
Grazie agli uomini e alle donne della Misericordia non abbiamo mai fatto mancare il sostegno a chi, costretto alla quarantena, aveva bisogno di reperire medicinali, bombole di ossigeno o prodotti alimentari.
Coscienti del fatto che la pandemia ha avuto effetti disastrosi sull’economia, non abbiamo perso tempo nell’organizzare i bandi volti a distribuire risorse e aiuti e grazie ad associazioni come Caritas abbiamo provveduto alla distribuzione di pacchi alimentari e altri beni di necessità.
Con riferimento alle vaccinazioni, riconoscendone la fondamentale importanza e desiderando solo poterne accelerare i tempi, siamo stati tra i primi a far partire le prenotazioni grazie all’associazione “SOS per la vita” e solo in seguito alla comunicazione di ASL, secondo la quale si prefigurava la possibilità di effettuare le vaccinazioni proprio nella nostra città, sono state sospese.
Il giorno stesso in cui è pervenuta la comunicazione da parte di ASL abbiamo provveduto a fornire ben tre immobili per avviare a Otranto la vaccinazione dei nostri anziani al di sopra degli 80 anni: il nostro palazzetto dello sport, il centro don Tonino Bello e la sede della Misericordia.
L’indisponibilità di vaccini a livello regionale non ha consentito alle ASL locali di avviare queste campagne nei comuni, sebbene, visti i recenti sviluppi, siamo fiduciosi nella loro riattivazione.
In tutto ciò non si sono certo sopite urgenti questioni di altra natura che hanno interessato il nostro paese: dall’impegno nel seguire le numerose procedure relative alle opere pubbliche in programmazione, all’organizzazione della prossima stagione turistica.
Questo a dimostrazione, se fosse necessaria, del fatto che l’attività amministrativa è complessa, ha bisogno del nostro costante impegno, della nostra costante dedizione, mai dell’approssimazione, mai della superficialità.
E soprattutto a dimostrazione del fatto che l’attenzione ad una comunità non la fanno solo le parole, ma i fatti.

Il Sindaco
Pierpaolo Cariddi

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Commenta la seguente affermazione: "ho trovato utile, completa e corretta l'informazione."
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
X
Torna su