Pontili galleggianti del porto di Otranto

Un tavolo tecnico in Regione questa mattina per affrontare il tema dell’importanza di assicurare un adeguato livello di servizi alla nautica. Si chiede un incontro al Ministro Franceschini.

Il tavolo tecnico a Bari

Dettagli della notizia

Le possibili azioni per sviluppare il Turismo Nautico in Salento e, in particolare, la questione dello smontaggio dei pontili galleggianti del Porto di Otranto al centro, questa mattina, di un tavolo tecnico nella nuova sede del Consiglio regionale a Bari. Erano presenti l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone, l’Assessore all’Urbanistica, Assetto del Territorio e Paesaggio, Alfonsino Pisicchio, i consiglieri Sergio Blasi e Saverio Congedo, numerose associazioni di categoria, oltre ai sindaci delle città marinare del Salento, in particolare il sindaco Pierpaolo Cariddi e il sindaco di Minervino di Lecce, Ettore Caroppo, in rappresentanza dei comuni che hanno deliberato per il mantenimento dei pontili del porto turistico di Otranto.
Obiettivo dell’incontro: esaminare le problematiche del settore e decidere le azioni per assicurare un adeguato livello di servizi alla nautica e garantire idonee strutture portuali, anche di transito, non solo nei mesi estivi ma anche, e soprattutto, nella restante parte dell’anno.
Il porto turistico interno di Otranto, infatti, che rappresenta una grande opportunità economica e turistica per tutto l’entroterra salentino, è stato assoggettato a vincolo archeologico e monumentale indiretto e sta affrontando una vera e propria emergenza: al 31 ottobre il Comune dovrebbe smontare i pontili galleggianti per poi rimontarli dopo i sei mesi invernali.
Il sindaco Cariddi ha illustrato le difficoltà incontrate visto che le due soluzioni proposte finora non sono state ammesse dalla Sovrintendenza.
Il prossimo passo adesso sarà discuterne a Roma con il Ministro Franceschini.

L'Ass. Capone ha raccolto l’istanza del Comune di Otranto e dei Comuni dell’entroterra che chiedono un incontro urgente con il Ministro Franceschini per discutere della vicenda del Porto turistico: "In questi anni il turismo è cresciuto moltissimo e non solo in estate ma anche e soprattutto negli altri periodi dell’anno. C’è una maggiore necessità di offerta e i Comuni intendono attrezzarsi anche per il potenziamento del turismo nautico che può apparire di minore impatto ma che genera, invece, un indotto considerevole. Per questo, insieme alla Provincia e ai Comuni, andremo dal Ministro Franceschini per discutere del nuovo progetto del Porto dove, di fatto, a oggi, la possibilità di destagionalizzare e aprire i transiti resta preclusa. L’obiettivo è confermare l’intento di lavorare sul Porto venendo, però, incontro alle esigenze di valorizzazione oltre che di tutela del sito. Una nuova proposta che tiene conto di tutte le posizioni: dalla Sovrintendenza al Comune, ai Comuni contermini, che nel Porto di Otranto riconoscono una importante porta d’accesso da e verso il mare, alla Provincia, alla Regione. L’investimento sull’incremento turistico e sulla destagionalizzazione non può prescindere anche da un incremento dell’offerta del settore nautico”.

Immagini della notizia

Il tavolo tecnico a Bari

Documenti e link

Opzioni di stampa:

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Commenta la seguente affermazione: "ho trovato utile, completa e corretta l'informazione."
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
X
Torna su