Tavola rotonda “Otranto, il mosaico di tutti”

Da qualsiasi punto della storia si guardi, Otranto c’è sempre.

Commissario Filippi

Dettagli della notizia

Si è svolta questa sera nella Sala Triangolare del Castello Aragonese una tavola rotonda dal titolo “Otranto, il mosaico di tutti”, iniziativa promossa per la Candidatura di Otranto a Capitale Italiana della Cultura 2025.
Diversi gli ospiti e gli interventi coordinati dalla Prof.ssa Manuela De Giorgi dell’Università del Salento.
Il Commissario prefettizio Dr.ssa Vincenza Filippi ha ringraziato i presenti e ha ribadito l’importanza di valorizzare la cultura locale, il territorio, la storia dell’arte: “Una città bellissima Otranto, di una ricchezza incredibile”.
Il Prof. Raffaele Casciaro si è soffermato sul claim scelto per la Candidatura: “Mosaico di culture: sottolinea la pluralità dell’approccio che si vuole dare e l’esistenza di più culture. Otranto ha sì un mosaico, ma Otranto è un mosaico fatto di tante tessere ognuna delle quali, seppur mantenendo la propria identità, si unisce alle altre”.
Gigi De Luca, del Polo Biblio-museale della Regione Puglia, ha relazionato sul tema “Multiculturalismo contemporaneo: ritratti otrantini”, parlando anche dell’opera “L’Approdo” di Costas Varotsos realizzata grazie alla collaborazione tra il Comune di Otranto e l’Istituto di Culture Mediterranee.
Il Prof. Teodoro Scarano ha parlato di un’identità culturale condivisa, una ricerca che si muove su un orizzonte trasversale: “Siamo in un contesto privilegiato per tanti motivi. Io mi occupo soprattutto di tarda preistoria, è sempre bene guardarsi un po’ indietro. Avere coscienza dei cambiamenti è importante per non perdere la rotta. Per il dossier abbiamo immaginato presso masseria Cippano un laboratorio di tecnologie e linguaggi per la musealizzazione del patrimonio archeologico”.
Il Prof. Francesco Giannacchi, affrontando il tema “Uomini, lingue e scritture nel lungo Medioevo otrantino”, ha sottolineato l’importanza di Otranto nella storia: ”Per noi medievisti Otranto è già capitale. Da qualsiasi punto della storia si guardi, Otranto c’è sempre. È stata hub culturale, luogo di passaggio.
Quando parliamo di scritti, l’area otrantina è centrale. I libri arrivavano a Otranto, venivano riprodotti e poi riprendevano il viaggio. Otranto viene valorizzata per la sua apertura verso Oriente. Deve ritornare a essere un hub culturale per unire oriente e occidente”.
Candida Stefanelli e Luigi D’Amato, dell’Arcidiocesi di Otranto, hanno focalizzato il loro intervento sull’albero della vita, la convivialità delle differenze: “Un racconto che è per tutti e in cui tutti si riconoscono. Dal disordine primordiale c’è un passaggio all’ordine nella Genesi 1. Dio fa ordine nel caos, trasforma il caos in cosmos. Dio salva, mette ordine, salvando le differenze, come nell’Arca di Noè. Nella Torre di Babele la differenza sembra evolversi in fusione. Ristabilisce di nuovo la diversità”.
Alessia De Blasi, trattando l’argomento “Otranto e le arti dello spettacolo”, ha asserito che “La cultura genera sempre cambiamento sociale. Parliamo di Otranto come ponte tra le diverse produzioni cinematografiche. Abbiamo progetti che faranno convergere a Otranto realtà in tutti i campi. Progetti di formazione artistica pensati per le nuove generazioni che coinvolgeranno anche le scuole. Cori, musical, artisti, installazioni in città e fuori città, residenze artistiche, produzioni audiovisive ad opera di giovani film maker”.
Subito dopo si sono susseguiti gli interventi delle associazioni locali: Cijaru, Otranto Culture, Voloalto APS, Club per l’Unesco di Otranto, Hydro Salento Omnibus che hanno illustrato i progetti inseriti nel dossier Otranto2025.
La parola è poi passata al pubblico.

Media

Commissario Filippi
Sala Triangolare
La tavola rotonda
Il pubblico
Le associazioni

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Commenta la seguente affermazione: "ho trovato utile, completa e corretta l'informazione."
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO

Il presente modulo utilizza i cookies di Google reCaptcha per migliorare l'esperienza di navigazione. Disabilitando i cookie di profilazione del portale, il form potrebbe non funzionare correttamente.

X
Torna su